fanat-auto.ru

Originale Tutte le pagine RCC

Dieta ipocalorica longevità giapponese

L’attività di “spazzino dei radicali liberi” dell’Astaxantina protegge i lipidi dalla perossidazione e riduce il danno ossidativo del colesterolo LDL (riducendo la formazione di placche nelle arterie), delle cellule, delle membrane cellulari e delle membrane mitocondriali. Questa alga fa parte della alimentazione di vari animali, tra cui pesci, granchi, aragoste e non solo, ed è la responsabile del loro colore rosso.Nel fitocomplesso ritroviamo non solo il principio attivo, bensì un’orchestra di tanti altri principi che la natura intelligentemente ha custodito in quel fitocomplesso, armonizzandolo al meglio. L’effetto antiossidante nello studio è risultato evidente in un periodo di tempo relativamente breve (12 settimane). “Antioxidant effect of astaxanthin on phospholipid peroxidation in human erythrocytes” British Journal of Nutrition DOI: 10.1017/S0007114510005398 Published online: I ricercatori hanno suddiviso casualmente i partecipanti in tre gruppi: due di questi hanno ricevuto una dose giornaliera di 2 gr o di 8 gr del carotenoide, il terzo invece del placebo.Haematocyst con pigmento rosso astaxantina • Attraversare la barriera ematoencefalica, apportando così antiossidanti ed una protezione anti-infiammatoria al cervello ed al SNC. Il meccanismo d’azione attraverso il quale Astaxantina eserciti questi miglioramenti e aumenti la performance rimane tuttora da chiarire: non sono stati osservati effetti sull’utilizzo dei carboidrati e sull’ossidazione dei grassi.• Attraversare la barriera ematoretinica, apportando antiossidanti ed una protezione anti-infiammatoria agli occhi. Uno studio clinico Giapponese randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo ha ora evidenziato che la somministrazione giornaliera di Astaxantina può ridurre l’accumulo anormale di composti associati alla demenza.Sono sopravvissute anche alle ere glaciali grazie al loro scudo protettivo di astaxantina. • Ictus: ripara i danni causati dalla mancanza d’ossigeno. • Aumenta la risposta di ipersensibilità ritardata (DTH), • Diminuisce sostanzialmente il danno del DNA. I partecipanti allo studio hanno ricevuto 4 mg/die di Astaxantina o placebo per 28 giorni. in un percorso di 20 km nel gruppo trattato con Astaxantina ma non nel gruppo trattato con placebo. Queste molecole sono particolarmente instabili in quanto possiedono un solo elettrone anziché due; ciò le porta a ricercare un equilibrio appropriandosi dell’elettrone di altre molecole con le quali vengono a contatto, molecole che diventano instabili e che a loro volta ricercano un elettrone e così via, innescando un meccanismo di instabilità definito a “catena”.• Viaggia realmente attraverso tutto l’organismo, apportando una azione antiossidante ed anti-infiammatoria in tutti gli organi e tessuti. L’integrazione con Astaxantina è risultata associata a riduzioni significative rispetto al placebo dei fosfolipidi perossidi che si accumulano in modo anormale negli eritrociti di soggetti con demenza.• Potenzia la membrana cellulare • Si lega al tessuto muscolare • Funziona come un super-antiossidante, che rapidamente elimina i Radicali Liberi e neutralizza la riorganizzazione elettronica dell’ossigeno. Questo studio ha utilizzato l’Astaxantina derivata da Haematococcus pluvialis, una microalga della famiglia delle Chlamydomonadeae, una fonte particolarmente concentrata di Astaxantina.Solo quando le condizioni di vita tornano adatte, queste alghe si risvegliano e ritornano nella loro condizione verde e attiva. Lo studio ha portato alla luce che l’Astaxantina: • Stimola la proliferazione dei linfociti.Grazie alle funzioni protettive dell’astaxantina, l’haematococcus può cadere in letargo senza nutrimento e senza acqua per un periodo di oltre 40 anni. – Previene i dolori articolari e muscolari dopo l’attività fisica. Chew ed il suo team (vedi sotto), ha dimostrato che l’Astaxantina è un potente stimolatore del sistema immunitario.(la sua efficacia è il doppio del beta carotene e della zeaxantina e da 100 a 500 volte superiore all’attività promossa dalla Vitamina E, nel prevenire la perossidazione degli acidi grassi).L’azione distruttiva di queste molecole è indirizzata soprattutto alle cellule, in particolare sui lipidi che ne formano le membrane, sugli zuccheri, sui fosfati, sulle proteine e sugli enzimi.L’Astaxantina aumenta la forza e la resistenza, rinforza il sistema immunitario aumentando il numero di cellule che producono anticorpi, le cellule T e le cellule T-helper. Le alghe producono e accumulano l’astaxantina, in grande quantità come reazione naturale a condizioni di stress dovute all’ambiente. – Fa recuperare più rapidamente dalla prestazione sportiva.Un questionario svolto tra 247 persone, che assumono Astaxantina, ha dimostrato che “oltre l’80% di loro, che soffriva di mal di schiena, dall’osteoartrite all’artrite reumatoide, ha riportato un miglioramento. 35 soggetti di età compresa tra i 50 e i 69 anni sono stati randomizzati per ricevere il trattamento con placebo o con 6 mg o 12 mg di Astaxantina/die per 12 settimane.

In tema di:


сустава опухоль руки пальца