fanat-auto.ru

Originale Tutte le pagine RCC

Hunziker blefaroplastica insieme

Si tratta di un intervento chirurgico di rimodellamento, che va ben oltre la classica liposuzione: contestualmente alla diminuzione del volume tramite la rimozione mirata dei depositi di grasso in eccesso, infatti, il chirurgo rimodella quello residuo, regalando al corpo, come un artista alla sua opera, l’armonia d’insieme di cui era privo.Per chi invece si confronta con il problema del “sedere piatto” e sogna natiche tipo ballerina di samba al carnevale di Rio, il rimedio si chiama gluteoplastica additiva., ma anche di infuocate polemiche sul senso del pudore: stiamo parlando del lato più nascosto e al tempo stesso più in mostra, il lato B.Attraverso un’incisione di circa 6-7 centimetri, generalmente nella parte alta della regione glutea*, vengono inserite delle protesi in silicone di ultima generazione, specifiche per l’uso (e molto diverse dalle protesi mammarie utilizzate nel 1969 durante il primo intervento del genere, finalizzato a correggere un’asimmetria di volume tra i glutei di una giovane donna); gli innesti infatti devono essere piuttosto robusti, in modo da sopportare il peso del corpo quando si è seduti.Tra gli effetti indesiderati più frequenti, compaiono seroma, asimmetria, contrattura o rottura della protesi e, più raramente, infezioni e spostamenti dell’impianto.Sebbene dia risultati spettacolari, questo tipo di operazione porta con sé un rischio di complicanze sensibilmente più elevato rispetto agli atri interventi di chirurgia estetica e pari al dieci per cento.Inoltre bisogna dire addio alle iniezioni intramuscolari sulle natiche: si corre il rischio che l’ago possa rompere la protesi.Ne esistono tre versioni: la gluteoplastica con protesi, quella con microinnesti di grasso autologo, denominata lipofillig (o, più propriamente, lipostruttura) e quella, più recente, con acido ialuronico.L’intervento, che dura circa due-tre ore, viene eseguito in anestesia generale e richiede un decorso post-operatorio di circa una settimana, al termine della quale vengono rimossi i drenaggi e la medicazione compressiva.Se il problema riguarda il grasso di troppo, l’operazione più adatta è senz’altro la la liposcultura.Il primo metodo è indicato per quei pazienti che desiderino ingrandire e arrotondare i glutei, ma, a causa della loro magrezza, non dispongano di un sufficiente accumulo di tessuto adiposo necessario all’operazione mediante lipofilling.

In tema di:


сустава опухоль руки пальца